Come recuperare la salute persa

fdgdfd

Buon giorno! Mi chiamo Teresa Giuliani , ho 61 anni. Sono la responsabile del controllo qualità in un’azienda che produce dolciumi, ho due figli ed un nipote fantastico (tra poco arriva anche la nipotina). Penso che la mia vita sia molto felice e gioiosa! Ma non è sempre stato così, solo dopo essermi liberata del diabete sono riuscita a vivere a pineo.

In questi casi, si inizia a raccontare subito della malattia... Beh, allora, ho il diabete da quando ho compiuto 56 anni. La cosa divertente è che, sebbene io lavori in una fabbrica di dolciumi, sono sempre stata molto indifferente ai dolci, questo è stato trasmesso anche ai miei figli: anche loro si sono mangiati per tutta la vita purè di patate e sottaceti rispetto ad una torta. Ho sempre preferito le salsicce ai dolci, gli hot dog con il ketchup (ricordo, negli anni '90 ho provato per la prima volta il mitico "hot dog" e me ne sono innamorata una volta per tutte), e anche se è affumicato o, ad esempio, pollo alla griglia ... La griglia poi è una cosa a parte a casa cuciniamo sempre alla griglia: pesce, tacchino. Sostanzialmente ogni cena è una festa a casa mia.

Ho iniziato a prendere peso, ma la cosa non mi preoccupava. Inoltre mio marito sostiene che le donne debbano avere un buon appetito. Non fumavo e non bevevo in eccesso, quindi mi sentivo bene.

Non entrerò nei dettagli, ma penso che sia familiare a molti pazienti con diabete. All'inizio ci si stanca più del dovuto anche con i piccoli sforzi, ma alla fine lo attribuisci allo stress, al lavoro, all'età. Bene, mi gira la testa, bene, voglio dormire tutto il tempo, le difese immunitarie si abbassano e ci si sente uno straccio.

Ho iniziato ad avere paura quando sono dimagrita senza cambiare assolutamente abitudini. All’inizio ovviamente ero felice di entrare nuovamente nei miei vecchi jeans, ma ho capito subito che c’era qualcosa che non andava… Ho iniziato a bere tanto e stavo sempre in bagno. Dopo le feste mi sono fatta vedere da un dottore e mi sono data malata al lavoro. Mi hanno mandato dall’endocrinologo, ho fatto tutte le analisi ed ho scoperto di avere il diabete. Di 2ndo livello. Il medico mi ha detto subito che non poteva sapere come si sarebbe evoluta la malattia.

Il mondo come lo conoscevo è crollato sotto i miei piedi. Ieri era un giorno come tanti, oggi invece avrei dovuto completamente cambiare vita per tentare di rimanere per lo meno in salute. Era difficile accettare tutti questi cambiamenti, ma non c’era via di uscita.

Combattere il diabete in primo luogo vuol dire combattere se stessi.

Il mio trattamento è iniziato con farmaci tradizionali per controllare il livello dello zucchero, ho provato diverse diete, ho provato a fare ginnastica ... Come fanno tutti. Mi sentivo abbastanza a disagio, mi sembrava che non potessi alzarmi dal letto e fare qualche tipo di sport, anche le semplici attività quotidiane sembravano un martirio! E ormai anche il mio amato lavoro non mi dava soddisfazioni

Tutto il mio mondo ruotava attorno agli indicatori del livello di zucchero. Se lo zucchero arrivava a livello normali, potevo fare qualcosa, se era alto invece potevo permettermi solo la depressione fino alla fine della giornata. Lo controllavo di continuo, sperando in un miracolo o in un errore. E i giorni in cui mi davo malata a lavoro si susseguivano sempre più spesso.

Penso che in molti abbiano avuto assolutamente gli stessi problemi, e persino con complicazioni spesso, come ulcere diabetiche o problemi alla vista ... Probabilmente sarei morta di questo passo

Dopo aver provato tutti questi medicinali, essendo io una persona non stupida mi sono post una domanda: ma veramente il diabete non si può curare?

Nel 21mo secolo, quando le tecnologie sono così sviluppate, possibile che le persone tra poco arrivano su Marte ma non sanno curare il diabete? Mi ricordo che che le medicine che usavo io sono le stesse che usava mio padre. Possibile che in 30-40 anni non sia cambiato assolutamente nulla?

Ho deciso di interessarmi a questo tema. A quanto pare in molte nazioni esistono già delle cure per questo problema! In Israele il diabete si cura in 14 - 20 giorni in maniera semplice, come un raffreddore qualunque.

Ho frequentato altre 5 cliniche, sia private che statali. Mi davano sempre medicinali vecchi di 30 anni.

Cosa sta succedendo? C’è un solo endocrinologo che ha accettato di rispondere a questa domanda. Un professore noto, dottore in scienze mediche e primario del Centro di Ricerca sulle complicazioni del diabete presso l’Istituto di Endocronologia: Simone Di Piazza.

- Simone Di Piazza, cosa sta succedendo?

- Siamo di fronte ad un vero e proprio genocidio della popolazione italiana, un furto legalizzato. Come al solito tentano di guadagnare sulla massa. Io ho portato più volte l’attenzione sul fatto che così non si può andare avanti, ma vengo semplicemente ignorato.

Guardate quali farmaci vengono venduti nelle farmacie per il diabete. Amaril, Glidiab, Statiglin, Glimepiride ed altri. Sono tutti vecchi farmaci delle generazioni precedenti. In realtà, non trattano il diabete, ma controllano solo il livello di zucchero nel sangue! Ad esempio, in Europa saranno almeno 10 anni di sicuro che non li usao. In Europa, una persona con il diabete va semplicemente in farmacia e acquista il giusto preparato economico, lo prende per una settimana ed è sano. Non possiamo acquistare tali medicinali nelle farmacie, ma solo ciò che farà sì che il paziente acquisti ancora ed ancora: "succhiando" in questo modo di continuo denaro. Così è molto più redditizio.

- Lei cosa ne pensa, chi c’è dietro? E perché lo fanno?

- Io lo so chi c’è dietro. Ma ovviamente non posso fare nomi. È una vera e propria mafia farmaceutica. E parliamo di un livello alto. I medici comuni ovviamente non hanno potere, seguono semplicemente le istruzioni del meccanismo. Prescrivono quello che viene loro detto di prescrivere, seguono il meccanismo. Il fatto è che per ogni malattia ci sono delle liste precise di preparati. Se non seguono le regole rischiano la radiazione. E chi le scrive queste liste? O forse la domanda giusta è: sotto quali pressione e secondo quali istruzioni vengono redatte queste liste di preparati. Immaginatevi quanto aumentano le vendite dei preparati che vengono messi in lista.

Naturalmente, questi elenchi vengono compilati con la partecipazione di grandi aziende farmaceutiche che attivamente traggono profitto dai cittadini italiani. Peggio ancora, queste compagnie sono estere, di solito italiane. Questo sistema è particolarmente radicato nel trattamento del diabete. Pertanto, semplicemente non c'è via d'uscita e una persona prende costantemente i farmaci e fino a poi arrendersi.

Tuttavia sono ormai 10 anni che il diabete non viene ritenuto una malattia incurabile. Si cura in maniera rapida e sicura una volta per tutte.

L'anno scorso, in autunno, io e circa altri 30 importanti endocrinologi abbiamo scritto una lettera collettiva al Ministero della Salute. Questa è l'ultima risorsa che si può contattare nel nostro paese, ma non abbiamo ancora ricevuto risposta ... Non riesco nemmeno a immaginare perché tacciano.

- Avete detto che nelle altre nazioni ci sono preparati efficaci contro il diabete, da noi non c’è niente?

- Noi abbiamo addirittura di meglio! Già nel 2019 il Centro di Ricerca di Endocrinologia e il Centro di Radiologia Invasiva hanno creato un preparato per il diabete che in quanto a caratteristiche supera tutti i preparati attualmente esistenti. Aiuta a curare il diabete in solo 14-20 giorni e può essere utilizzato a qualsiasi livello della malattia. Si tratta di un preparato unico, che però nella nostra nazione sembra non servire a nessuno.

I dipendenti dell'Istituto hanno tentato di avviarne la vendita attraverso catene farmaceutica, ma non l'hanno accettato in farmacia e non si sono nemmeno preoccupati di trovare un motivo per il rifiuto. Allo stesso tempo, il farmaco ha superato tutti i test clinici e di certificazione necessari. Voglio mostrarvi i risultati.

I test sono stati condotti sulla base del laboratorio Centro di Ricerca dell'Istituto di Endocrinologia. In totale, circa 200 volontari affetti da diabete hanno partecipato alle prove.

I risultati degli studi:

Questi risultati sono sorprendenti! Questo strumento è molte volte più efficace di quelli che prescrivono i medici. E ciò che è importante, è che non ci sono componenti chimici, con l'aiuto di questo preparato ci si può curare a casa senza i medici. Non danneggia gli organi, da solo benefici

Molti paesi, come gli Stati Uniti, la Gran Bretagna, il Canada, hanno già mostrato interesse per l’invenzione dei nostri scienziati. È stato accolto molto bene alla conferenza degli endocrinologi, tenutasi all'inizio di quest'anno a Copenaghen.

Ma da noi non sembra servire a nessuno. Purtroppo in Italia c’è una mafia farmaceutica molto potente, che se ne frega delle persone.

- Come si chiama questo nuovo preparato? E cosa contiene?

- Il preparato si chiama Diastine. Si tratta di granuli speciali che vanno prese due volte al giorno per un ciclo di cura. Contiene solo estratti naturali, di chimico non c’è nulla. Tutto è pienamente bilanciato, agisce in maniera complessiva sulla malattia, ed aumenta l’efficacia della cura.

In totale, il preparato comprende circa 30 ingredienti, ognuno dei quali ha il suo effetto nel trattamento del diabete:

This is some text inside of a div block.

- Simone Di Piazza, questo preparato lascia a bocca aperta. Ma ci dica, se in farmacia non si trova, allora dove si può prendere Diastine? Ora ad esempio molti produttori vendono i loro preparati direttamente su internet su dei siti speciali

Programma speciale «Zucchero nella norma»
- Il nostro istituto, insieme al Centro Nazionale di Ricerca Endocrinologica e al produttore di Diastine, ha lanciato un programma di benefici nell'ambito del progetto di telemedicina (medicina su Internet).

- Cosa bisogna fare per rientrare nel programma?

Per ricevere Diastine, dovete rispondere ai seguenti criteri:
Criteri d’uso di Diastine:

1. Solo per uso personale

2. È stato deciso al fine di bloccare gli speculatori che stanno cercando di acquistare Diastine su vasta scala per rivenderlo al loro prezzo

3. Compilare il modulo sul sito ufficiale per partecipare al programma

4. Il modulo ufficiale è l’unica garanzia per acquistare un prodotto di qualità e per evitare gli speculatori

Quanto durerà il programma preferenziale?

Fino al 14.04.2020 compreso, o fino all’esaurimento delle scorte di Diastine. E tutto questo nonostante la mancanza di pubblicità in radio e televisione. Le persone fanno passaparola, lo raccomandano a familiari ed amici. È stata una sorpresa per noi il fatto le informazioni sul programma abbiano iniziato a diffondersi così rapidamente.

goood

Diastine

78 EUR

39 EUR

Thank you! Your submission has been received!
Oops! Something went wrong while submitting the form.

RECENSIONI

Valerio Sepe

È un preparato affidabile, testato su me stesso. Avevo il tipo II con complicazioni. E ora tutti i sintomi del diabete sono scomparsi e lo sviluppo delle complicanze si è fermato. In passato, la vista diminuiva drasticamente e avevo problemi di pelle. Ora non ho più alcun problema

Sara Valeri

È tremendo quello che sta accadendo ora in abito medico. Ho avuto a che fare anche io con questa storia. È un vero e proprio genocidio. I preparati utili non ci sono semplicemente, usiamo cose vecchie che nel resto d’europa neanche si vendono più.

Marta Pazzi

Teresa, grazie per l’info!

Valeria Feretri

Lo prendo da due settimane, lo zucchero non è arrivato subito nella norma, ma sta calando in maniera stabile.

Michela Giorgi

Grazie all'autore per l’articolo! Il mio pacco con Diastine è arrivato una settimana fa e l’ho preso secondo le istruzioni, lo zucchero è sceso a 4.8 dopo aver mangiato e 3.2 a stomaco vuoto!

Vittorio Sole

Ho sentito parlare di questo preparato, ma sono riuscito a provare tanti aiuti "garantiti", anche con recensioni positive. Non mi dispiace per i soldi, ma la sensazione di essere stato ingannato non può essere paragonata a nulla.

Valerio Simoncini

Non posso non scrivere qui. Diastine è una vera e propria salvezza per noi diabetici… nel mio caso ex-diabetici. Sono già tre giorni che il mio livello è 4,5 a stomaco vuoto, un miracolo! Lo raccomando a tutti!

Piero dell’Albero

Confermo tutto! Diastine è il meglio che ci sia. Un mio amico aveva il diabete. Non sapevo cosa fare. Dopo aver letto quest’articolo, ho ordinato Diastine per provare. Ho iniziato a prenderlo, per un mese lo zucchero nel sangue è sempre rimasto normale.

Federica Milano

Grazie per l’articolo. È tutto vero. Il diabete non ti fa vivere normalmente. Sono andata dall’endocrinologo, non mi faceva vivere questo diabete. Sono riuscito ad ordinare Diastine con lo sconto e sono felice!

Alessandro Fallo

Anche io l’ho ordinato. Lo sconto è fantastico